ActionAid Italia
in Nepal

ActionAid Italia in Nepal

Adozione a distanza

1997

Inizio attività

Adozione a distanza

5

Progetti attivi

Adozione a distanza

3.271

Bambini sostenuti

Adozione a distanza

15.803

Persone raggiunte

Adotta un bambino a distanza

Adotta ora

Un Paese in cerca di riscatto

La vita in Nepal non è facile, la fame e la miseria non risparmiano nessuno, nemmeno i bambini. Il paese risente ancora degli effetti del forte terremoto che nel 2015 ha distrutto case, infrastrutture e ha devastato la già fragile economia del Paese.

La maggioranza della popolazione vive di agricoltura, ma molti contadini non possiedono i terreni che coltivano e perciò non guadagnano a sufficienza per sfamare le loro famiglie. Per questo la mancanza di cibo e la malnutrizione sono i problemi più gravi del Paese.

La povertà porta gran parte dei bambini ad abbandonare precocemente la scuola per dedicarsi al lavoro nei campi o al commercio. La situazione è peggiore per le bambine che spesso non iniziano neanche a istruirsi perché sono tradizionalmente occupate nei lavori domestici. Il loro futuro è concepito solo nell’aiuto e nella cura della famiglia: alle donne non è infatti permesso possedere terreni, ereditare beni e gestire le risorse della famiglia o partecipare alla vita pubblica.

Il Nepal in numeri

È difficile, anzi, impossibile sperare in un futuro quando la povertà, la fame, le disparità di genere e la mortalità infantile sono la realtà di tutti i giorni. Questo è il Nepal oggi.

Adozione a distanza
Povertà

15%

della popolazione vive con massimo 1,9 dollari al giorno

Adozione a distanza
Fame

11%

dei bambini è malnutrito

Adozione a distanza
Istruzione

6.800.000

sono le persone completamente analfabete

Adozione a distanza
Mortalità Infantile

4 su 100

bambini non superano il quinto anno di vita

Il tuo contributo

L'adozione a distanza è un contributo fondamentale per migliorare le condizioni di vita dei bambini del Nepal. Grazie a te, potremo:

  • Sostenere le comunità dalit (i dalit sono i cosiddetti "intoccabili" o paria e fanno parte della quinta casta, la più bassa, della società indiana) e quelle tribali per fare in modo che i loro diritti siano riconosciuti.
  • Migliorare la resa dei raccolti creando cooperative, aprendo banche delle sementi e introducendo coltivazioni sostenibili.
  • Favorire la partecipazione delle donne alla vita della comunità promuovendo gruppi di discussione, di alfabetizzazione, di risparmio e microcredito.
  • Promuovere l'accesso ai sussidi statali e ai finanziamenti pubblici per realizzare infrastrutture sanitarie e scolastiche moderne.
  • Organizzare campagne rivolte a genitori e bambini per sensibilizzarli sull'importanza dell'istruzione.
  • Sostenere la costituzione di associazioni genitori-insegnanti per assicurare una gestione delle scuole corretta.

Storie dal Nepal

Lavoriamo ogni giorno per cambiare la vita di migliaia di persone nel mondo. Donne, bambini e uomini che vogliono costruire un futuro migliore, per sé e per le loro comunità. Queste sono le loro storie.

storie di adozioni a distanza: Sujeeta
Sujeeta: una storia di dolore e speranza dalle macerie del terremoto
storie di adozione a distanza: Barsha
La storia di Barsha: “L’unica possibilità di guadagno è la prostituzione”
ActionAid
Hemraj: quando l’adozione a distanza incontra ragazzi coraggiosi