Adotta ora

Adozione a distanza Afghanistan: un futuro per le donne e i bambini poveri

Il Paese dove la popolazione soffre la fame. Dove un numero troppo elevato di bambini non supera il ventottesimo giorno di vita. Dove le donne sono picchiate, umiliate e costrette a sposarsi giovanissime. Questo è l'Afghanistan oggi. E questo è il Paese che vogliamo aiutare. Ma abbiamo bisogno dell'adozione a distanza.

Un paese in cerca di riscatto

  • L'Afghanistan è il Paese più povero dell'Asia. Secondo i dati della Banca mondiale, la sua popolazione ammonta 32 milioni e mezzo di persone. Tra il 2011 e il 2014 l'economia del Paese ha subito un brusco arresto. Come conseguenza, il 39 per cento della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà (dati: Wfp).
  • La situazione è aggravata dalla mancanza dei diritti di proprietà sui terreni, dall'insufficienza d'infrastrutture e dal vasto commercio di oppio.
  • Il 33 per cento della popolazione non riesce a procurarsi il cibo di cui ha bisogno per vivere. Sono circa nove milioni e 300mila persone (dati: Wfp).
  • Il 41 per cento dei bambini di questo Paese è cronicamente malnutrito e soffre di ritardo della crescita, il dieci per cento è malnutrito in maniera acuta ed è deperito, il 25 per cento è sottopeso (dati: Wfp).
  • In questo Paese, i tassi di mortalità materna, neonatale e infantile sono tra i più alti che si registrino in tutto il mondo. Nel 2015, circa 36 bambini ogni mille nati vivi sono morti entro il ventottesimo giorno dalla nascita (dati: Who).
  • La popolazione totale, come già detto, è di 32 milioni e mezzo di persone. Ci sono due milioni e 800mila giovani (15-24 anni) completamente analfabeti. In generale, 11 milioni e 200mila persone (età superiore a 15 anni) non sanno né leggere né scrivere, circa un terzo della popolazione (dati: Unesco).
  • L'87,2 per cento delle donne afghane ha subito, almeno una volta nella vita, violenza fisica, sessuale, psicologica e matrimonio forzato. Il 62 per cento delle donne subisce forme multiple di violenza (dati: Global Rights, 2008).

Le storie


Fatima


Qurban

Come adottare

Quanto potrebbe costare fornire cibo, cure mediche, costruire scuole e fornire libri? Poco, davvero poco. Meno di un euro al giorno. Per la precisione 82 centesimi, pari ad appena 25 euro al mese. Questo è il costo dell'adozione a distanza. Questo è il costo per donare ai bambini e alle donne afghane la speranza di un futuro migliore.

Perché l'adozione a distanza non si rivolge solo al bambino adottato ma all'intera comunità in cui vive. Un semplice gesto e potrai cambiare in meglio l'esistenza di decine di persone. Subito dopo, ti accorgerai che anche la tua vita è cambiata.

Per dare il tuo contributo puoi scegliere tra diverse modalità, come domiciliazione bancaria/postale o su carta di credito, bonifico bancario, bollettino postale. Potrai decidere se dare tale contributo mensilmente, ogni tre mesi oppure una volta all'anno. Inoltre, l'adozione a distanza è sia deducibile sia detraibile: un motivo in più per compiere un gesto di umanità.

Maggiori informazioni: FAQ .

Il tuo contributo

Sono tanti e grandi i problemi dell'Afghanistan. E tanto è ciò che possiamo fare con l'aiuto dell'adozione a distanza:

  • Garantire istruzione e formazione professionale alle donne;
  • Coinvolgere le donne nelle decisioni che riguardano loro stesse e la loro comunità;
  • Garantire una vita migliore ai bambini colpiti dalla guerra, agli ex bambini soldato e a quelli che vivono nei villaggi rurali;
  • Impegnarsi affinché il diritto alla terra sia riconosciuto ai contadini;
  • Costruire pompe e pozzi nei villaggi per garantire l'acqua potabile e migliorare l'irrigazione di orti e campi.

Possiamo contare anche su di te per aiutare tutte queste persone?