Adotta ora

Adozione a distanza: vogliamo regalare un futuro a tutti i bambini del Kenya

Troppi non superano il ventottesimo giorno dalla nascita. Chi sopravvive, deve fare i conti con la povertà estrema. Per i bambini del Kenya, la speranza di avere un futuro migliore è soltanto un miraggio lontano. Questi bambini noi possiamo aiutarli. Grazie all'adozione a distanza.

Un paese in cerca di riscatto

  • Riuscire a vivere con massimo 1,90 dollari al giorno sembra impossibile. Eppure è questa la condizione per il 33,6 per cento della popolazione. Su poco più di 46 milioni di persone, la povertà estrema riguarda quindi 15 milioni e 500mila uomini, donne e bambini (dati: World bank).
  • Nonostante la povertà estrema, la popolazione del Kenya continua a crescere: nel giro di vent'anni è quasi raddoppiata. Una gran parte della popolazione è rappresentata da giovani di età inferiore ai 15 anni.
  • Questo causa dei gravi problemi di sussistenza: le risorse sono troppo poche per soddisfare i bisogni primari di tutta la popolazione.
  • Sono 22. Ogni mille nati vivi, in Kenya 22 bambini non superano il ventottesimo giorno dal parto. I bambini muoiono per cause che sarebbero facilmente prevenibili (dati: Who).
  • Si stima che circa un milione e 300mila keniani abbiano urgentemente bisogno di cibo. La maggior parte di loro vive nelle zone aride e semiaride del Kenya settentrionale (dati: Wfp).
  • Siccità e inondazioni si alternano, distruggendo i raccolti. I contadini utilizzano metodi di lavoro antiquati e non hanno gli strumenti necessari per lavorare la terra.
  • I dati più recenti fanno riferimento al 2012: in Kenya, circa un milione di bambini non va a scuola (dati: Unesco).
  • Un milione e 200mila giovani (età 15-24) sono analfabeti. In totale, cinque milioni e 800mila giovani, di età superiore ai 15 anni, non sanno né leggere né scrivere.
  • La situazione interna del Kenya non è per niente semplice: formazioni terroristiche operano principalmente nelle zone delle città di Mombasa e di Malindi; c'è un'accesa conflittualità tra maggioranza e opposizione.
  • I trafficanti di esseri umani, che operano al confine con l'Etiopia e con la Somalia, sono una delle piaghe di questo Paese.
  • Il Kenya ospita una delle più grandi popolazioni di rifugiati al mondo: si stima che siano circa 500mila. Nei campi allestiti per ospitarli non c'è cibo sufficiente per tutti.

Le storie


Malkia


Rukaya


Margaret

Come adottare

Fame, analfabetismo, malattie, miseria: la vita dei bambini del Kenya può essere riassunta con queste quattro parole. Eppure, tu puoi fare qualcosa per aiutare gli abitanti del Paese. Basta meno di un euro al giorno, 82 centesimi per la precisione, pari a 25 euro al mese.

Un gesto solo apparentemente piccolo che permetterà a un bambino del Kenya e alla sua comunità di sperare in un futuro migliore. Per dare il tuo contributo puoi scegliere tra domiciliazione bancaria/postale o su carta di credito, bonifico bancario, bollettino postale. Puoi decidere di dare il tuo contributo mensilmente, ogni tre mesi o una volta all'anno.

Meno di un euro al giorno e costruirai un legame speciale con il bambino. L'adozione a distanza cambierà due vite: la prima è quella del bambino, che potrà guardare al futuro con maggiore fiducia; la seconda è la tua.

Maggiori informazioni: FAQ .

Il tuo contributo

Che cosa possiamo fare per i bambini e le comunità del Kenya con il contributo dell'adozione a distanza? Ecco:

  • Organizzare campagne per sensibilizzare bambini e i genitori sull'importanza dell'istruzione;
  • Ristrutturare e costruire edifici scolastici vicino ai villaggi, soprattutto quelli più isolati;
  • Collaborare con le istituzioni locali per garantire formazione e migliori condizioni lavorative agli insegnanti;
  • Creare cooperative, aprire banche delle sementi e introdurre coltivazioni sostenibili che permettano ai contadini di migliorare le rese dei raccolti;
  • Garantire l'acqua potabile ai villaggi più isolati costruendo pompe e pozzi;
  • Migliorare l'accesso alle cure mediche;
  • Realizzare corsi di formazione professionale per i giovani e le donne.

E tutto questo è possibile solo grazie a te.