ActionAid Italia
in Burundi

ActionAid Italia in Burundi

Adozione a distanza

2009

Inizio attività

Adozione a distanza

2

Progetti adozione a distanza attivi

Adozione a distanza

1.606

Bambini sostenuti

Adozione a distanza

112.400

Persone raggiunte

Adotta un bambino a distanza

Adotta ora

Un Paese in cerca di riscatto

Il Burundi rientra tra i dieci Paesi più poveri al mondo.

In Burundi, i violenti fenomeni atmosferici, la siccità e i duraturi conflitti interni hanno avuto gravi ripercussioni sull’economia. La popolazione vive principalmente di agricoltura e allevamento ma, proprio a causa di questi problemi, si trova spesso in condizioni di estrema difficoltà con sementi che scarseggiano, raccolti insufficienti e con le famiglie rimaste senza cibo.

La vita è dura, soprattutto per le donne, che sono spesso vittime di violenze e discriminazioni. Migliaia di ragazze sono costrette dalle famiglie a sposarsi prima dei 18 anni, molte di loro vengono poi abbandonate dai mariti e si ritrovano da sole, senza un lavoro e con i figli da mantenere.

Il tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile, è molto alto: un ragazzo su due, anche se ha frequentato la scuola, non riesce a trovare un impiego.

Il Burundi in numeri

È difficile, anzi, impossibile sperare in un futuro quando la povertà, la fame, le disparità di genere e la mortalità infantile sono la realtà di tutti i giorni. Questo è il Burundi oggi.

Adozione a distanza
Povertà

77,7%

percentuale di persone che vivono con massimo 1,9 dollari al giorno

Adozione a distanza
Fame

58%

della popolazione è cronicamente malnutrito

Adozione a distanza
Istruzione

900.000

sono le persone completamente analfabete

Adozione a distanza
Mortalità Infantile

8 su 100

bambini non superano il quinto anno di vita

Il tuo contributo

Grazie all'adozione a distanza, attueremo progetti mirati a risolvere i principali problemi del Burundi:

  • Creare cooperative, aprire banche delle sementi e introdurre nuove coltivazioni sostenibili, per migliorare la resa dei raccolti.
  • Aprire centri di ascolto, per sostenere le donne contro abusi e violenza.
  • Ristrutturare e costruire edifici scolastici, per permettere ai bambini di studiare.
  • Garantire agli insegnanti migliori condizioni di lavoro e una formazione adeguata, per fornire agli studenti un'istruzione di qualità.
  • Garantire la presenza d'insegnanti anche nelle zone urali, per combattere la piaga dell'analfabetismo.

Per fare tutto questo, basta meno di un euro al giorno.

Storie dal Burundi

Lavoriamo ogni giorno per cambiare la vita di migliaia di persone nel mondo. Donne, bambini e uomini che vogliono costruire un futuro migliore, per sé e per le loro comunità. Queste sono le loro storie.

storie di adozione a distanza: Concille
Concile: una bambina di 11 anni può avere una vita del genere?
ActionAid
Virginie: “Nel mio villaggio, l’istruzione non è una cosa importante”