podcast-saviano-actionaid

Uguali”. Questo è il titolo del podcast che Roberto Saviano ha realizzato per e con ActionAid. Uguali è uno spazio in cui potremo entrare in contatto con storie di vita vera del Sud del Mondo: a partire dal 18 dicembre fino a fine gennaio, Roberto Saviano scrive e interpreta la realtà di luoghi lontani, le emozioni e gli incontri che sono avvenuti nei paesi dove lavoriamo da anni per portare diritti e uguaglianza.

Il podcast di Roberto Saviano su Spotify

Il podcast di quattro episodi ci accompagnerà dentro le vite delle comunità seguite da ActionAid in Etiopia, India, Kenya, Mozambico, Ruanda, e Somaliland. Sarà un modo per viaggiare all’interno di realtà lontane e conoscere mondi che sarà poi difficile dimenticare. Perché quando una storia riesce a raccontare con successo gli effetti di un gesto solidale capace di cambiare l’intero destino di donne e uomini, è impossibile non stabilire una connessione. E non tenerla per sempre dentro il cuore.

Con questo podcast portiamo nelle case di tutti le tematiche che guidano da anni le nostre azioni nei paesi poveri: istruzione, carenza di risorse, il contrasto al cambiamento climatico, i diritti delle donne. Lo facciamo grazie alla capacità unica di Roberto Saviano di narrare la realtà di chi ha visto cambiare la propria vita e quella della propria comunità grazie al sostegno a distanza con ActionAid. E con la scelta di un partner come Spotify sarà possibile raggiungere un vastissimo pubblico fatto di persone che vogliono lasciarsi ispirare e credono che ristabilire uno stato di giustizia e uguaglianza sia necessario per noi, per le generazioni future e, soprattutto, per coloro non hanno mai provato il privilegio di essere visti “Uguali” agli altri.

Nessuno viene lasciato indietro

Il primo podcast di Roberto Saviano per ActionAid parte dal Mozambico, una nazione in cui siamo accorsi nel 1988 quando il Governo nazionale lanciò un appello per la ricostruzione del paese distrutto da 16 anni di guerra. La storia ci porta dentro alle scuole, che significano non solo istruzione per combattere la piaga dell’analfabetismo, che qui affligge una persona su due, ma anche educazione contro gli stereotipi e la violenza, soprattutto femminile, sulle donne e sulle bambine. La scuola porta speranza, conoscenza e capacità di immaginazione, ed è proprio questo il punto di partenza da cui si costruisce un futuro “uguale” per tutti.

Con il sostegno a distanza di ActionAid nessuno viene lasciato indietro. Soprattutto coloro che vi sembrano destinati perché sono nati nel posto sbagliato al momento sbagliato, all’interno di comunità difficili e povere.

Secondo Saviano, “la solidarietà se non vive di gesti concreti perde di autenticità”. Raccontarla con un mezzo come quello del podcast “stimola l’ascolto, permette di dare il giusto approfondimento a temi centrali e universali quali la povertà, la marginalità, il bisogno”. Perché è vero che nasciamo tutti “uguali”, ma alcuni hanno bisogno di qualcuno che si prodighi per vedere quell’uguaglianza rispettata e garantita.

ActionAid e la solidarietà

Da oltre 40 anni lavoriamo accanto alle comunità povere e marginalizzate. Abbiamo scelto di farlo mostrando all’esterno i sorrisi che portiamo nel mondo con il nostro lavoro. La solidarietà non deve essere vista come un’azione disperata, ma come un abbraccio collettivo che porta unione e uguaglianza. Per questo i racconti dei podcast di Roberto Saviano per ActionAid sono storie sul cambiamento e su un futuro che improvvisamente diventa possibile.

Una buona azione ne fa sempre nascere sempre un’altra: questo è il segreto per avere un mondo dove tutti siano “Uguali” per davvero.

Ascolta “Una scuola per Abigail“, il primo episodio del podcast: