tuyen

È duro, il lavoro nei campi. Spesso i frutti della terra sono scarsi. Almeno per chi vive e lavora in uno dei Paesi più poveri del mondo. Come nelle aree più isolate del Vietnam. È proprio qui che comincia la storia di Tuyen, una donna di 38 anni di Chau Khanh.

Le sue giornate sono scandite dal faticoso lavoro nei campi di grano. Nonostante tutto l’impegno che lei e gli altri abitanti del villaggio ci mettono e nonostante l’uso di pesticidi, il grano è continuamente attaccato dagli insetti. “Tanto che l’ultimo anno abbiamo raccolto solo 2 tonnellate di grano”, come lei stessa racconta.

Non riescono a capire la causa di tutto questo. Anche perché i mezzi agricoli a disposizione sono molto scarsi e molto arretrati. Senza le opportune conoscenze, la produzione di grado nel villaggio di Tuyen è destinata a sparire.

Poi, grazie al contributo dell’adozione a distanza, un esperto ha analizzato la situazione. La causa della proliferazione degli insetti era proprio l’utilizzo di pesticidi: avevano contaminato terra e falde acquifere, provocando la scomparsa dei granchi dai canali.

La soluzione adottata? Un semplice fungo. Un pesticida naturale che ha eliminato cavallette e cimici, principale causa della distruzione delle piantagioni. I contadini hanno partecipato a un corso di formazione per imparare a coltivare e utilizzare tale fungo. Dopo poco tempo, il 96% degli insetti era sparito. Chi ha utilizzato il fungo come pesticida naturale ha raccolto il 20-25% in più di chi ha utilizzato i prodotti chimici.

Il cambiamento c’è stato. Lo racconta sempre Tuyen. “All’inizio non credevamo che avrebbe funzionato. E invece abbiamo raccolto 2,4 tonnellate di grano, il 23% in più dell’anno scorso! Con i soldi che abbiamo risparmiato evitando i pesticidi chimici, abbiamo comprato materiale scolastico per i nostri figli e una scorta di sementi per il prossimo anno. Penso che questo cambiamento sia molto positivo per tutta la comunità e spero che sempre più contadini inizino a usare i pesticidi naturali”.

E tutto questo è stato possibile perché qualcuno, proprio come te, ha deciso di adottare a distanza un bambino vietnamita.