storie di adozione a distanza: Theresa

Theresa ha 17 anni e vive in un villaggio nella parte settentrionale del Ghana. La sua vita può essere divisa in due parti.

Prima del 2015, per andare a scuola doveva alzarsi molto presto, alle 3:45. Theresa camminava per più di tre ore usando una torcia elettrica per illuminare la strada. Nonostante la situazione difficile, la sua principale paura era un’altra.

In Ghana, non è raro che le ragazze siano rapite per essere costrette a sposarsi. Theresa aveva sentito tanti racconti di ragazze alle quali era toccato proprio questo destino. Temeva che potesse essere anche il suo. Temeva che, un giorno, un uomo potesse portarla via.

“Non ero contenta di camminare per andare a scuola a causa della lunga distanza” racconta Theresa “e avevo paura che qualcuno mi rapisse. Durante la stagione delle piogge, l’erba cresce molto alta e ho paura che gli uomini possano nascondersi lì”.

La seconda parte della sua vita comincia nel 2015. Comincia con un evento che solo in apparenza potrebbe essere considerato di poca importanza: in quell’anno, ActionAid le regalò una bicicletta.

“ActionAid ci ha comprato le nostre biciclette e la mia mi è stata data a scuola. Mi sono sentita così felice, perché tutti sanno che questa è la bicicletta di Theresa e nessuno me la può prendere”.

Adesso, Theresa può pensare al futuro.

“Non ho più paura che i ragazzi possano rapirmi durante il tragitto. So che posso andare più veloce se qualcuno mi sta inseguendo. Se non avessi ricevuto la bicicletta, forse non sarei potuta tornare a scuola. Ora sogno di diventare presidente del Ghana”.

 

Storia: ActionAid.org.uk
Immagine: Ruth McDowall/ActionAid