storie di adozione a distanza: Husan Hari

Il 2010. Husan Hari, che vive in Bangladesh, non dimenticherà mai cosa accadde in quell’anno.

Ogni anno, violente alluvioni devastano il Bangladesh. Per rendere l’idea della gravità del fenomeno, basti dire che, nel 2014, le alluvioni distrussero le abitazioni di 150mila persone. Persone che, nel giro di qualche giorno, si ritrovarono senza niente. In un Paese che già deve fare i conti con la povertà estrema.

E’ proprio quello che accadde a Husan Hari. Perse tutto ciò che aveva nella terribile alluvione che colpì il Bangladesh nel 2010: casa, risparmi, scorte alimentari, bestiame. La sua vita sembrava non avere più un futuro di speranza. Ma poi, per fortuna, le cose sono cambiate.

Nel 2013, Husan Hari è entrata a far parte di un progetto, promosso da ActionAid, che aiuta le donne a migliorare le proprie condizioni di vita, fornendo formazione su agricoltura, allevamento di bestiame e allevamento di polli. Inoltre, il progetto fornisce loro soldi per avviare attività lavorative e per i semi. Adesso, Husan Hari coltiva le proprie verdure e vende le eccedenze.

Le parole di Husan Hari sono la migliore conclusione di questa storia:

Posso vedere il giorno in cui non soffriremo più la fame giorno e notte, e saremo in grado di provvedere autonomamente a noi stessi. Ringrazio ActionAid per averci aiutato a cambiare le nostre vite. Ora vado al campo ogni mattina per vedere il mio raccolto crescere”.

 

Fonte immagine: ActionAid.org.uk