storie di adozione a distanza: Christina

La donna in questa foto si chiama Christina. Ha 28 anni. Adesso, come puoi vedere, sorride. Ma non è sempre stato così. Perché la vita di Christina non è stata per niente facile, dal momento che si è sempre svolta tra le strade di Mukuru.

Mukuru è una delle baraccopoli, o slum, più grandi del Kenya. Si trova a sud-est della capitale Nairobi. In questa fatiscente baraccopoli vivono circa 700mila persone. Mukuru è nata 35 anni fa, quando le persone più povere cominciarono a costruire delle piccole abitazioni improvvisate usando rifiuti e materiali di scarto.

In un posto del genere, degrado e violenza sono le parole d’ordine. Anche l’esistenza di Christina è stata segnata dalla violenza. Perpetrata, spesso, nella “sicurezza”della sua casa.

Eppure, Christina ha ritrovato la forza di sorridere e di guardare al futuro con maggiore speranza. Perché, grazie ad ActionAid, adesso lei ha un lavoro che la rende indipendente: lavora nella fabbrica di burro di arachidi nel centro Ruben.

Un centro molto speciale. Che si occupa di:

  • dare un lavoro alle persone (anche) grazie alla fabbrica di burro di arachidi;
  • gestire una scuola primaria, così da garantire il diritto all’istruzione a tutti;
  • gestire un ambulatorio medico che fornisce l’assistenza sanitaria essenziale agli abitanti dello slum;
  • attuare programmi di microcredito e generazione di reddito che, oltre a creare lavoro, contrastano la piaga del lavoro minorile.

Vivere in uno slum significa fare i conti con povertà e discriminazione. Ma con l’aiuto di tutti è possibile cambiare questa situazione. E Christina ne è la prova migliore.