malaria Africa (continente più colpito da)

A causare la malaria sono cinque parassiti. Una malattia difficile da diagnosticare perché si presenta con i sintomi di una banale influenza, come brividi, sudorazione, mal di testa, dolori articolari. In troppi casi, l’esito è fatale. E il continente più colpito da tale malattia è l’Africa.

La situazione nel mondo

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, nel 2015 tre miliardi e 200mila persone erano a rischio malaria. I più vulnerabili alla malattia sono le donne in stato di gravidanza e i bambini. Secondo le stime, i casi di malaria nel 2015 sono stati 214 milioni. 438mila i decessi.

I numeri del continente africano

  • Nel 2015, l’88 per cento dei casi e il novanta per cento dei decessi da malaria si sono registrati nell’Africa subsahariana.
  • In questo continente, un bambino ogni minuto muore a causa della malaria.
  • Nel 2013 ci furono 528mila decessi a causa della malaria: circa il 78 per cento era costituito da bambini di età inferiore ai cinque anni.
  • La malaria può essere contratta dai morsi di zanzare, durante la gravidanza, prima e/o durante il parto.

Malaria e non solo

La malaria non è la sola malattia a colpire l’Africa. L’AIDS è un altro grande problema. Guinea, Sierra Leone e Liberia stanno ancora facendo i conti con le conseguenze della spaventosa epidemia di Ebola. Senza contare le altre malattie della povertà come tubercolosi, infezioni respiratorie e malattie diarroiche.

C’è tanto da fare

Possiamo fermare la malaria in Africa. Per riuscirci occorrono zanzariere trattate con appositi insetticidi, diagnosi preventive, terapie a base di artemisinina, informare la popolazione sui rischi e sulle modalità di prevenzione della malattia.

Come possiamo fare tutto questo? Grazie a te e al contributo dell’adozione a distanza.

 

Dati: WHO