giornata-mondiale-della-terra-2019

L’Earth Day, la Giornata mondiale della Terra, si festeggia il 22 aprile, due giorni e un mese dopo il solstizio di primavera. Un momento di sensibilizzazione alla tutela del nostro pianeta che ogni anno prevede eventi e celebrazioni in 192 paesi sparsi per il globo, con un miliardo di sostenitori. L’evento è coordinato dall’Earth Day Network (EDN), un’organizzazione che accoglie migliaia di associazioni e che promuove attività di sensibilizzazione in varie parti del mondo.

La Giornata Mondiale della terra 2019 è alla sua 49° edizione e ha l’obiettivo di sensibilizzare su due tematiche molto importanti: la tutela del pianeta e lo sviluppo sostenibile. Lo slogan della Giornata mondiale della terra 2019 è “Protect Our Species”, e mette in evidenza l’importanza della protezione delle biodiversità e delle specie animali che si stanno estinguendo a causa dell’azione dell’uomo.

La giornata mondiale della terra: perché il 22 aprile?

La prima giornata ufficiale risale al 22 aprile 1970, quando il senatore democratico Gaylord Nelson invitò alla mobilitazione tutta la popolazione americana a seguito del grave disastro ambientale causato dalla fuoriuscita di petrolio al largo di Santa Barbara. L’evento riunì nelle piazze milioni di americani e smosse l’Onu a celebrare l’Earth Day l’anno successivo, portandolo così all’attenzione di molti paesi del mondo.

La Giornata della Terra diventò un monito per tutti, e spianò la strada al Vertice delle Nazioni Unite del 1992 a Rio de Janeiro, il primo summit della Terra nella storia. Per il ventesimo anniversario, un gruppo di alpinisti provenienti da Usa, Cina e Russia, si collegò via satellite dalla cima del monte Everest, e portò a valle 2 tonnellate di rifiuti lasciati sul monte dagli esploratori che si erano avventurati fin lassù.

Proteggendo la terra, proteggiamo la vita

Più del 90% della popolazione mondiale vive in zone con un indice di inquinamento sopra ai livelli di sicurezza. Malattie polmonari e cardiovascolari dovute alle polveri sottili nei paesi sviluppati, e situazioni drammatiche in crescita nei paesi in via di sviluppo tra Asia, Africa e America Latina.

In questi paesi la siccità sta aumentando tanto da causare i cosiddetti migranti ambientali. Mentre sono ancora troppe le persone costrette a bere acqua sporca, uno dei veicoli prediletti da virus e batteri, e a morire per malattie che sarebbero prevenibili, come diarrea e parassiti. L’aumento delle temperature causa inoltre un incremento di fenomeni atmosferici pericolosi come uragani, e inondazioni, le cui conseguenze continueranno a peggiorare coadiuvate dall’incremento del livello del mare.

La Giornata della Terra è un’occasione per diventare più consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni e fermare tutto questo, un’azione alla volta. ActionAid è in prima linea nelle zone del mondo dove il surriscaldamento globale è causa di difficoltà e sofferenza quotidiane. Grazie alle donazioni e alle adozioni a distanza, è possibile fornire sostegno agli agricoltori, aiutandoli a consolidare le loro capacità produttive tramite il potenziamento dei sistemi agricoli e una gestione sostenibile delle risorse naturali.

 

 

Fonti:

Focus.it

Earthdayitalia.org

Internazionale.it