fame nel mondo come risolvere

Nel mondo 795 milioni di persone soffrono la fame. 795 milioni di persone che il sistema agroalimentare mondiale non è in grado di sfamare. Perché di cibo ne produciamo abbastanza, ma non tutti hanno i mezzi necessari per procurarselo. Eppure il problema della fame nel mondo può essere risolto. Basta utilizzare gli strumenti giusti.

 

Biocarburanti? No, grazie

I biocarburanti vengono realizzati a partire da prodotti alimentari o da coltivazioni agroalimentari energetiche dedicate. L’aumento della domanda di biocarburanti ha sottratto la terra ai contadini da un lato, e dall’altro ha determinato l’inflazione dei prezzi dei prodotti agricoli. Bisogna fermare la produzione di biocarburanti.

 

Agricoltura sostenibile

Negli ultimi anni i mercati agricoli sono stati globalizzati. I piccoli contadini, che sono la spina dorsale della produzione mondiale, oggi vivono in povertà: circa il 70% dei poveri a livello mondiale provengono da aree rurali. Per far fronte a questo problema occorre un modello di agricoltura sostenibile, che preservi la ricchezza dei suoli e il benessere delle persone.

 

La piaga del land grabbing

Le aziende estere dell’agribusiness si impossessano continuamente di grandi porzioni di terra, utilizzate per attività che danneggiano l’ambiente. Questi accaparramenti di terra su larga scala dovrebbero essere proibiti dai Governi. Governi che dovrebbero tutelare i diritti dei contadini, favorire lo sviluppo delle aree rurali, garantire l’accesso alle risorse naturali.

 

Le donne e la terra

Le donne hanno un ruolo centrale nei sistemi agricoli. Ma non hanno gli stessi diritti degli uomini. Se le cose fossero diverse, se anche le donne potessero avere accesso alle stesse risorse degli uomini, si calcola che 100-150 milioni di persone nel mondo potrebbero uscire dall’incubo della fame e della povertà.

 

Sprechi da bandire

10 milioni di tonnellate: questa è la quantità di cibo che ogni anno in Italia finisce nella spazzatura. Con un danno economico quantificabile intorno ai 37 miliardi di euro. Tutti noi possiamo fare qualcosa per rimediare a questa situazione. A casa come a scuola, dove coinvolgendo insegnanti, genitori, bambini e aziende ristoratrici si possono ridurre gli sprechi.

 

Queste le nostre idee per risolvere la fame del mondo. E per applicarle abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.