dati suoi matrimoni precoci

Vogliamo cominciare con una storia: quella di Fatima, che vive in Afghanistan e, sposatasi giovanissima, ha subito violenza e abusi dal marito. Fatima è solo una delle giovani ragazze che sono state costrette a sposarsi precocemente. Un problema, quello dei matrimoni precoci, estremamente grave. Come grave è la situazione descritta da questi dati.

1. Bambine

In tutto il mondo, la macroregione con il più alto tasso di matrimoni precoci è l’Africa subsahariana: qui, quattro ragazze su dieci si sposano prima di aver compito 18 anni, mentre una ragazza su otto si sposa prima di aver compito 15 anni.

Se l’Africa subsahariana è la zona più colpita da tale problema, non è certamente la sola:

  • In America Latina e nei Caraibi, il 24 percento delle donne (età 20-24) si sono sposate in giovanissima età.
  • In Medio Oriente e Nord Africa, questa percentuale è solo di poco più bassa: si arriva al 18 percento.

2. Ragazze adolescenti

A livello globale, circa una ragazza adolescente su sette (di età compresa tra 15 e 19 anni) è attualmente sposata o, in generale, unita a un uomo, che di solito è molto più grande.

  • La più alta percentuale di ragazze adolescenti sposate si riscontra in Africa occidentale e in Africa centrale: il 27 percento.
  • In Africa orientale e meridionale, la percentuale di ragazze adolescenti sposate è del 21 percento.
  • La pratica dei matrimoni precoci è molto diffusa anche in Medio Oriente e Africa settentrionale, e riguarda il 14 percento delle ragazze adolescenti.

3. Ragazzi adolescenti

Anche se i dati mostrano numeri molto più bassi rispetto a bambine e ragazze, il problema dei matrimoni precoci riguarda anche i ragazzi. In particolare:

  • Repubblica Centrafricana: 28 percento.
  • Madagascar: 13 percento.
  • Laos: 13 percento.

I numeri indicano la percentuale di uomini (età 20-24) che erano sposati o uniti prima di aver compiuto 18 anni. Altri Paesi dove i matrimoni precoci riguardano anche ragazzi adolescenti sono Nauru, Honduras, Unione delle Comore, Isole Marshall, Nepal e Cuba.

 

I matrimoni precoci costringono le bambine e le ragazze a una vita di discriminazione, di privazioni, molto spesso di violenza, sia fisica sia psicologica. Possiamo e dobbiamo aiutare queste bambine. E possiamo riuscirci grazie al contributo dell’adozione a distanza.

 

Fonte immagine: ActionAid.org.uk
Dati: Unicef