combattere la povertà

Lo abbiamo già detto: è difficile parlare delle cause della povertà. Perché sono troppo grandi, troppo complesse, troppo radicate. Ma questo non significa che ci fermeremo qui. Il nostro obiettivo è combattere la povertà. E per riuscirci ci impegniamo con tutte le nostre forze.

Non abbiamo una formula magica. Probabilmente non esiste nemmeno. Però sappiamo che, lavorando su questi 6 aspetti, regaleremo un futuro migliore e una vita dignitosa a milioni di persone.

 

1. Coinvolgere le istituzioni

C’è bisogno dell’aiuto delle istituzioni per combattere la povertà. Occorre adottare politiche economiche sostenibili, che tengano conto delle esigenze delle popolazioni più povere. Politiche che siano slegate dalla mera logica del profitto. Questo dovrebbe accadere sia a livello locale che a livello globale.

 

2. Ridistribuire le risorse

Ci sono Paesi che hanno troppo. E ci sono Paesi che hanno troppo poco. I primi sono i cosiddetti Paesi del Primo mondo. I secondi si trovano nel sud del nostro pianeta. Eppure ci sono abbastanza risorse per garantire a tutti una vita dignitosa. Basterebbe ridistribuirle in maniera giusta. Basterebbe dare a chi ha bisogno.

 

3. Istruzione

È una delle nostre battaglie. Esiste una forte correlazione tra istruzione e povertà. Chi non è istruito ha difficoltà a trovare lavoro. Non può far valere e rivendicare i propri diritti. Uno dei modi per porre rimedio a questa situazione è costruire scuole che siano vicine ed economicamente accessibili per chi vive nei Paesi più poveri del mondo.

 

4. Parità di genere

In molti Paesi ci sono degli antichi e retrogradi retaggi culturali che impediscono alla popolazione di risollevarsi dalla condizione di povertà estrema in cui vivono. Come quei retaggi che vogliono le donne messe in secondo piano, lontane dai luoghi dove si prendono le decisioni, relegate a mansioni degradanti, sottoposte agli uomini. Le donne invece devono avere un ruolo attivo. Alle donne nel mondo bisogna che vengano riconosciuti i loro diritti.

 

5. Rendere autosufficienti i Paesi poveri

Sgombriamo il campo da un possibile equivoco: qui non stiamo parlando di carità. La questione è molto più profonda. I Paesi del Terzo mondo devono diventare autosufficienti, devono essere capaci di produrre in maniera autonoma ciò di cui hanno bisogno. Questo è un passaggio molto importante per combattere la povertà.

 

6. Coinvolgere le persone

Per combattere la povertà c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Ognuno di noi, nel suo piccolo, può fare qualcosa per aiutare i Paesi poveri. Bastano dei gesti solo in apparenza piccoli. Gesti che regaleranno un futuro migliore a chi sarebbe condannato solo alla fame e alla miseria. Come fare volontariato, non sprecare cibo. Come l’adozione a distanza.