bambini che non vanno a scuola

Il loro numero è ancora esorbitante. Ai bambini che non vanno a scuola viene negato il diritto di avere un futuro. Una situazione insostenibile, da combattere con tutte le nostre forze.

 

I numeri

Si stima che nel mondo, ancora oggi, i bambini che non frequentano la scuola elementare sono più di 100 milioni, e si trovano principalmente nei Paesi del Sud del mondo, i più poveri in assoluto. Un dato da considerare insieme ai circa 800 milioni di adulti analfabeti. Di questi, la maggior parte sono donne.

 

Le cause di questa emergenza:

  • in molti Paesi del Sud del mondo la scuola elementare è a pagamento, e troppo costosa per le persone più povere;
  • spesso la scuola elementare è troppo lontana dal villaggio di appartenenza, e diventa inaccessibile non solo per la distanza ma anche per i pericoli a cui il bambino può andare incontro durane il tragitto;
  • l’istruzione impartita nelle poche scuole a disposizione è ancora di bassa qualità a causa della mancanza di insegnanti preparati;
  • l’Education for All – Fast Track Iniziative (strumento per raccogliere risorse a favore del’istruzione, a cui hanno dato il loro contributo la Banca Mondiale e i Paesi del G8) non è adeguatamente finanziato.

 

Gli Obiettivi del Millennio

Uno degli Obiettivi del Millennio è garantire, entro il 2015, l’istruzione elementare fondamentale per tutti i bambini del mondo, ovunque essi siano. Al giorno d’oggi, per raggiungere tale obiettivo c’è ancora tanto da fare.

 

Povertà e analfabetismo

Per ActionAid, povertà e analfabetismo sono collegate. Solo con un buon livello di istruzione le persone hanno la possibilità di far valere i propri diritti, di trovare un lavoro, di partecipare alla vita della comunità. In altre parole, solo con l’istruzione è possibile avere un futuro.

 

Cosa possiamo fare

Vogliamo che il numero di bambini che non vanno a scuola scenda a zero. Per farlo, ci impegniamo affinché nei Paesi del Sud del mondo tutti abbiano accesso all’istruzione: favoriamo il dialogo tra società civile e istituzioni, costruiamo centri educativi nelle comunità più svantaggiate, ci rivolgiamo principalmente alle donne e ai bambini.

Questo è il nostro approccio. E tu puoi dare il tuo contributo per una giusta causa.