Lavoro minorile

Il fenomeno nel mondo

Il lavoro minorile interessa quelle aree in cui, a causa di povertà e isolamento sociale, i bambini sono visti come una risorsa da impiegare in lavori di forza, in condizioni di igiene e sicurezza precarie.

Questo tipo di sfruttamento è mentalmente e fisicamente pericoloso per il bambino e lo priva della possibilità di studiare e di poter aspirare a un futuro diverso e migliore. Sono 152 milioni i bambini costretti a lavorare nel mondo, la metà dei quali ha tra i 5 e gli 11 anni. Per questo motivo è importante agire dove il fenomeno è più diffuso, per sensibilizzare, aiutare le famiglie e permettere a questi bambini un’infanzia felice.

Le conseguenze più gravi del lavoro minorile sono:

  • problemi fisici e psicologici a causa dei lavori altamente usuranti;
  • violenze e abusi fisici e psicologici;
  • abbandono scolastico e mancanza di istruzione;
  • isolamento sociale.

Adotta un bambino a distanza

Adotta ora

Dove lavoriamo per combattere il lavoro minorile

L’intervento di ActionAid

  • Supportiamo legalmente e psicologicamente i bambini che sono stati costretti a lavorare fin da piccoli;
  • Promuoviamo campagne di sensibilizzazione riguardo ai diritti dei bambini e al lavoro minorile coinvolgendo anche uomini, anziani, leader religiosi e istituzioni;
  • Nelle scuole informiamo i bambini sui loro diritti e sulle leggi esistenti per tutelarli;
  • Forniamo sostegno economico alle famiglie più bisognose in modo che non siano costrette a far lavorare i figli per mantenersi;
  • Lavoriamo per identificare i datori di lavoro che impiegano manodopera minorile per impedirlo.

Vuoi sapere di più su cosa facciamo?